LinkedIn
YouTube
Impianti termici ad alta efficienza per la riqualificazione energetica degli appartamenti da ristrutturare..

Climagea è specializzata nella realizzazione di impianti di climatizzazione estiva e invernale ad alta efficienza per la riqualificazione energetica degli edifici da ristrutturare.

Partendo dalle richieste del progettista, Climagea presenta una o più soluzioni preliminari. Le soluzioni proposte sono corredate da una simulazione dei consumi per riscaldamento, raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria. In questo modo è possibile capire i tempi di ammortamento dell’investimento fatto.

Climagea offre un servizio di assistenza completo in tutte le fasi della realizzazione dell’impianto fino all’assistenza post-vendita.

SCARICA I CATALOGHI CLIMAGEA

Cataloghi climagea.

LE NOSTRE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO E L’EFFICIENZA ENERGETICA

Per informazioni e richieste di preventivi contatta l’ufficio commerciale.

LA POMPA DI CALORE COMPATTA

Tutte le pompe di calore possono essere utilizzate per il riscaldamento, il rafrescamento e l’acqua calda sanitaria. Per l’uso in appartamento e importante che la pompa di calore venga incontro a requisiti di compatezza e silenziosità.

Nel caso di una riqualificazione energetica di un  appartamento è particolarmente adatta la centrale termica compatta NIBE VVM.  Si tratta di un modulo completo da interni che permette la fornitura di riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria occupando pochissimo spazio.

La centrale termica utilizza la pompa di calore NIBE F2120 con tecnologia EVI a iniezione di vapore. Con questa tecnologia si possono ottenere alte temperature nel caso venga utilizzato il vecchio impianto di riscaldamento con termosifoni.

UTILIZZARE I TERMOSIFONI ESISTENTI

RISPARMIO SUI TEMPI E COSTI DI REALIZZAZIONE DELL’IMPIANTO

In un appartamento da ristrutturare possono esserci diverse soluzioni per il riscaldamento e il raffrescamento con la pompa di calore. Dipende ad esempio se si vuole conservare l’impianto di distribubuzione preesistente oppure utilizzare un nuovo sistema a pannelli radianti.

L’utilizzo dell’impianto esistente evita il rifacimento del sistema di distribuzione con notevole risparmio sui tempi e costi di realizzazione.

Di contro utilizzare la pompa di calore per alimentare i termosifoni comporta un risparmio inferiore sulle spese energetiche rispetto ad un sistema radiante.

Infatti la temperatura dell’acqua utilizzata per i termosifoni è molto più alta (55°/65°) rispetto a quella di un sistema radiante (30°/40°). Questa differenza è dovuta alla minore o maggiore estensione della superficie radiante. Grazie alla pompa di calore NIBE F2120 a iniezione di vapore si riesce comunque ad ottenere un risparmio sulle spese per i consumi energetici intorno al 40%.

SOFFITTO RADIANTE

AMBIENTE SALUBRE E RISPAMIO SULLE SPESE ENERGETICHE FINO AL 70%

Le soluzioni più efficaci per risparmiare sulle spese di riscaldamento e raffrescamento sono i sistemi di distribuzione con pannelli radianti a soffitto, pavimento e parete.
Adottando queste soluzioni possiamo arrivare fino al 70% di risparmio.

I sistemi radianti infatti utilizzano per il riscaldamento temperature molto basse, intorno ai 35°/40°, perché l’acqua calda è distribuita su una superficie molto vasta.

Inoltre il riscaldamento e raffrescamento mediante pannelli radianti a soffitto permette di ottenere un ambiente molto più salubre rispetto ad altre soluzioni. E’ infatti drasticamente ridotta la movimentazione di aria calda e polveri combuste dannose per la salute. Questa caratteristica è propria dei sistemi radianti in quanto sfruttano il principio naturale dell’irraggiamento. Con l’irraggiamento lo scambio del calore avviente tra le superfici e non attraverso l’aria.

PAVIMENTO RADIANTE A BASSO SPESSORE

RAPIDA POSA IN OPERA, COMFORT E RISPAMIO ENERGETICO

Qui prendiamo in considerazione un tipo di pannello che viene incontro ad un’esigenza frequente nelle ristrutturazioni degli appartamenmti: non smatellare il pavimento esistente.

Si tratta dei pannelli in bugnato cavo che per lo spessore contenuto possono essere posati sul pavimento esistente. Le bugne cave vengono avvolte dal massetto mediante una colata di cemento fluido autolivellante. In questo modo il massetto ha il medesimo spessore del pannello più un’altezza di soli 10 mm sopra di esso.

Pavimento radiante a basso spessore con massetto autolivellante.

Questo tipo di pannelli hanno la caratteristica di avere una bassa inerzia termica che permette di raggiungere la temperatura dell’ambiente in breve tempo. Si ottiene  pertanto un ottimo comfort e un notevole risparmio energetico.

PAVIMENTO RADIANTE A SECCO

BASSA INERZIA E ALTA CONDUCIBILITA’ TERMICA
COMFORT E RISPARMIO ENERGETICO

A differenza dei  sistemi radianti con bugnato cavo la posa in opera di questi pannelli può avvenire senza realizzare il massetto, su massetti tradizionali e su pavimentazioni preesistenti.
L’incollaggio dei rivestimenti (piastrelle, parquet, marmo, etc…) può avvenire direttamente sui pannelli radianti.
I tempi di lavorazione sono molto brevi con un considerevole risparmio sui tempi e costi di realizzazione dell’impianto.

I pannelli sono in fibrogesso, un materiale che ha un alta conducibilità termica. Questa caratteristica insieme al basso spessore dei pannelli (18 o 25 mm.) permette uno scambio termico con l’ambiente ancora più rapido del sistema con bugnato cavo.

La rapida risposta termica di questi pavimenti garantisce il riscaldamento o raffrecamento degli ambienti in breve tempo.
La temperatura impostata può essere raggiunta in un’ora contro le oltre 7 ore necessarie con un normale pavimento radiante. L’impianto può quindi essere spento e accesso al bisogno. Con i pavimenti radianti in fibrogesso possiamo ottenere un alto livello di comfort e un considerevole risparmio sulle spese energetiche.

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA DECENTRALIZZATA

ARIA SEMPRE PULITA, RAPIDA POSA IN OPERA E MINIMA MANUTENZIONE

Negli appartamenti da ristrutturare con interventi di efficientamento energetico troviamo spesso la posa in opera di infissi di nuova generazione che non consentono il ricambio dell’aria.

In inverno o negli edifici con scarso isolamento termico la mancanza di ricambio d’aria facilita la formazione di condensa e muffa sulle pareti.

In questi casi diventa molto importante garantire un ricambio dell’aria costante ed efficiente. E’ infatti necessario smaltire la CO2, l’umidità in eccesso e le sostanze organiche volatili (cattivi odori) che si accumulano negli ambienti.

Per assolvere a questa necessità bisogna installare un impianto di Ventilazione Meccanica Cotrollata (VMC). Le soluzioni sono due: impianti VMC centralizzati e decentralizzati.

VANTAGGI DELLA VMC DECENTRALIZZATA

  • Considerevole risparmio su tempi e costi di realizzazione dell’impianto.
    Con gli impianti decentralizzati si evitano infatti le opere murarie per la posa della canalizzazione, necessarie con i sistemi centralizzati.
  • Occorre una minore manutenzione dal momento che non esiste la pulizia dei canali prevista per gli impianti centralizzati, ma solo la sostituzione annuale dei filtri.
  • Gli impianti decentralizzati possono essere accesi e spenti solo negli ambienti in cui serve.
  • Infine la regolazione dei parametri CO2, ossigeno e umidità è pertinente ad ogni singola stanza.

VENTILAZIONE A SINGOLO FLUSSO E A DOPPIO FLUSSO

Esistono due tipi di ventilazione decentralizzata, a singolo flusso alternato e a doppio flusso incrociato. La ventilazione a flusso alternato ha un’efficienza energetica sul recupero termico del 50%, quella a flussi incrociati superiore al 90%.

I sistemi decentralizzati più comuni alternano un flusso in uscita per lo smaltimento dell’aria viziata con un flusso in entrata per l’immissione di aria pulita. In questo modo però viene inserita aria fredda o calda, a seconda che sia inverno o estate, con conseguente perdita di temperatura negli ambiemti  e spreco energetico.

Invece con i sistemi decentralizzati a doppio flusso incrociato lo scambio dell’aria in uscita e in entrata avviene contemporaneamente. L’aria fredda o calda in entrata viene portata alla stessa temperatura di quella in uscita evitando la perdita di temperatura negli ambienti.

DEUMIDIFICAZIONE

In estate con l’uso di sistemi radianti per il raffrescamento occorre tenere sotto controllo l’umidità per aumentre il comfort ed evitare formazione di condensa.
La deumidificazione avviene tramite un’apparecchiatura in grado di condensare l’umidità presente nell’aria tramite uno scambiatore dove circola acqua fredda.

Esistono due tipi di deumidificatori:.

  • Deumidificatori senza ventilazione.
  • Con ventilazione meccanica a doppio flusso per il ricambio dell’aria e il recupero del calore.

GESTIONE REMOTA DELL’IMPIANTO

EFFICIENZA ENERGETICA, RISPARMIO E COMFORT

Climagea usa per i suoi impianti la piattaforma cloud Telegea e il sistema di gestione remota Termogea.
Queste tecnologie hanno un ruolo rilevante per la manutenzione e la termoregolazione degli impianti termici centralizzati.

Con esse possiamo infatti svolgere in tempo reale direttamente da smartphone e da piattaforma web una serie di operazioni.

  • Regolazione climatica multizona.
  • Verifica e analisi dei consumi.
  • Manutenzione predittiva dell’impianto.

Attraverso questi strumenti di controllo possiamo abbattere i costi di manutenzione, migliorare l’efficienza energetica dell’impianto, ridurre l’inquinamento e ridurre le spese sui consumi energetici. Siamo pertanto in grado di intervenire tempestivamente evitando disservizi e sprechi energetici.

Prova la nostra piattaforma web TELEGEA con le seguenti credenziali.
user: demo
password: demo

APP Termogea per la termoregolazione remota multizona.